Il meglio della settimana!

Post ovviamente ironico, non corrispondente a verità. Vediamo cosa potrebbe essere successo questa settimana, nel campo informatico.

In settimana abbiamo avuto una discussione accesa sul sito di Enrico sul tema “Lo Zoccolo duro”. Si riferiva agli utenti Apple, dopo un pò di battute è arrivato perfino Paperino direttamente da Redmond a dire la sua. Lui però è di parte. Persone obiettive definiscono i prodotti Apple giocattoli non professionali. Ovviamente io ho un parere diverso. Si è parlato dei grossi flop in casa Apple, dal Newton diventato iPod al Next su cui è stata inventato il WWW diventato poi Mac OS X.

Computer Build di questa settimana ha testato vari Access Point Wireless, al primo posto c’è l’Airport Extreme, al secondo posto LinkSys, ecc. ecc. Ovviamente perchè è fuffa e Computer Build è una rivista per Apple Fan Boy.

Si è discusso di Time Machine e della sua capsula del tempo. Prodotti che funzionano ma antipatici perchè Apple. Anche Vista ha Shadow Copy ed il Backup, con la possibilità di effettuare Backup in rete su un NAS.

Il grosso problema è che Time Capsule rimane sempre accesa… me lo spiegate poi come si fa a schedulare un backup su un NAS spento? Si potrebbe montare un temporizzatore che lo accende ad una determinata ora e lo spegne quando? Mha!

Sul blog di Paperino si è discusso meno vivacemente sul tema Crash Different. Tutti i sistemi operativi vanno in crash, in Windows c’è il famoso BSOD (Blue Screen Of Death, macabro ma rende l’idea). In Leopard è più carino. L’Amiga aveva il Guru Meditation.

Sparare sulla Croce Rossa

Con quello di Windows hanno fatto pure la ola, grazie al riavvio automatico:

[flash http://www.youtube.com/watch?v=6p7BL-1rxBo]

Esempi di BSOD:

[flash http://www.youtube.com/watch?v=iN9sVkIqjys&NR]

E come dimenticarsi il BSOD al lancio di Windows 95?

[flash http://www.youtube.com/watch?v=RgriTO8UHvs]

Windows XP, aggiornamenti gratuiti, Zune e multe

In settimana è stato lanciato dopo qualche ritiro il Service Pack 3 di Windows XP, pare che abbia problemi (e qua), strano. Sui miei pc funziona benissimo.

Il vantaggio di Windows è proprio quello di girare su quasi tutti gli hardware. Riprendo questo vecchio post:

Il supporto hardware non è un pregio di Windows in se, ma del mercato che offre hardware compatibile con Windows. Se quello stesso mercato (brutta parolaccia dalle parti di Microsoft) decidesse di iniziare a supportare anche Linux (o Mac), come sta accadendo, la questione della presunta superiorità nel supporto hardware di Windows cadrebbe nel vuoto delle minchiate, dove è giusto che finisca.

Tra multe e ricorsi, successi commerciali come lo Zune che ha venduto ben 2 milioni di player (contro i 76 milioni di Apple nello stesso arco temporale… in totale 150 milioni…)!!!

4 Comments

  1. Franco 13 maggio 2008 at 1:40 #

    Ma il tipo del filmato di windows alla presentazione, e’ finito a Guantanamo con gli iracheni? Sua moglie lo sta cercando da piu’ di 10 anni….

  2. paperino 14 maggio 2008 at 20:41 #

    Ciao Shance,
    visto che mi chiami in causa, ti rispondo.
    Il tuo ragionamento è bacato (in senso matematico) in diversi spunti.
    1. Non parlo male di Apple perché lavoro per MS. Semplicemente uso quello che mi serve; per fare quello che faccio mi basta un PC e alla fine penso che la colpa sia di DELL (ma anche di Adobe e di tutto il resto del mondo HW/SW): sono così str*nzi che vendono un QuadCore con 3GB di RAM e svariati GB di HD ad un prezzo inferiore a quello di un macmini, che è il minimo che apple può offrire (oggi: 14 Maggio 2008); stessa cosa per una suite di video editing o per banali editor di testo; se vuoi posso approfondire ma il succo del mio pensiero è sintetizzato qui: http://aovestdipaperino.com/posts/Come-scegliere-un-sistema.aspx
    Molto pragmatismo, forse pure troppo. Cosa ci sia di soggettivo in considerazioni prettamente “economiche” davvero mi sfugge. :)
    2. Lavorare per una certa azienda non significa automaticamente foderarsi gli occhi di prosciutto. Conosco un sacco di blogger colleghi che parlano un gran bene dei prodotti Apple. Io per le piccole prove che ho fatto sono rimasto molto deluso: http://aovestdipaperino.com/posts/concorrenza-sleale.aspx
    Come faccio a comprare un iPhone (che mi piace assai) se rischio di imbattermi nei tanto odiati BSOD
    3. Lavorare per una certa altra azienda (l’altra) significa per lo meno cucirsi la bocca: non ci sono blogger in giro, tutto gran segreto senza dimenticare tentativi molto maldestri di censurare problemi gravi o meno (interventi su forum spariti; siti “comprati” per togliere le foto delle batterie esplosive; ecc.)
    4. Di solito alle mie domande non ricevo mai risposte scientifiche. :) Ho chiesto cos’hanno di speciale le batterie che Sony vende ad Apple (visto che esplodono alla stessa maniera di quelle vendute a Dell) per “durare” così tanto; mi è stato risposto che la mia batteria (una 6 cell “refurbished”) non dura quanto quella di un Apple (immagino almeno 9 cell); al che ho fatto osservare che per il prezzo di un macbook potrei comprare un Dell + circa 5-6 batterie di scorta. Che il valore aggiunto di una batteria che duri anche 10 anni per me non esiste in quanto i cicli hardware (almeno a casa mia) sono molto più brevi.
    5. Non ci si deve mai dimenticare che il software ha per natura problemi molto simili; anche se il marketting (questi furbacchiotti) vuole far credere che non è così. L’approccio è quello che conta e una certa azienda mi sembra alquanto immatura, soprattutto per quanto riguarda temi caldi come la sicurezza.
    6. Un blue-screen di Windows 95, e so che lo sai, non può essere definito BSOD. I BSOD sono tali solo nei sistemi derivati da NT; in Win3.x/9x qualsiasi processo che andava in crash “mostrava” uno schermo blu.
    7. La storia è piena di defaillance alle presentazioni di Steve Jobs. Legge di paperino sulle demo: una demo senza crash non è una demo.
    8. Ho l’impressione che il software made in Cupertino sia in generale più crappy di quello made in Redmond: http://blogs.technet.com/robert_hensing/archive/2008/04/30/mac-vs-pc-can-t-we-all-just-get-along.aspx
    Questo è quello che succede con un software vendor che controlla il 100% dello stack: dai banchi di memoria al 90% delle applicazioni che ci girano. Si dovrebbe pensare che in una situazione di vantaggio così estrema (2 soli driver di rete da dover far funzionare) i crash dovrebbero essere inesistenti. Ed invece:
    * MacOS has better connection sharing UI that is easier to setup and use than the Vista wizard (IMHO).
    * The MacOS wifi drivers seem to be crappy . . . (inability to connect to my SSID when I’m using WEP, me bugchecking his box when HE uses WEP etc.).
    * Vista was able to surf the Internets through the MacOS connection sharing (which was in bridge mode) and the MacOS wasn’t able to even get an IP address from Vista’s (for unknown reasons).

    Non sono tra quelli che definiscono MacOS un giocattolo non professionale, ma credo di poter comprendere in pieno chi lo fa. 😉
    -quack

  3. Shance 14 maggio 2008 at 23:29 #

    Ciao Paperino, mi fa piacere che mi sia venuto a trovare. Il tono del mio post era puramente ironico, soprattutto quando citavo te.

    So benissimo il tuo pragmatismo di vedere le cose, mi piace leggerti e sentire il tuo parere. Dunque quando dico “lui è di parte” è per gasarmi del fatto che ho un “amico” di e-mail che lavora a Redmond. Tutto qua.

    Non sono d’accordo assolutamente con te sul fatto dei costi dell’hardware e non comprerò mai un monitor che misuri la temperatura dell’interno del mio piccì con porta usb. Al massimo lo stesso aggeggio che misuri la temperatura interna di un pollo nel microonde.

    Non ho mai assemblato un piccì e ho sempre comprato Amiga, Ast, Hp e ora Apple. Pensoal computer come un prodotto finito, hardware e software tutt’uno. Non mi interessa del perchè non va una cosa, se la colpa è del driver usb o del kernel o di una libreria, voglio che le cose vadano o che la società (una) che fa il computer risolva il tutto.

    Questa è di fondo la mia idea.

    Lasciamo stare la guerra tra Apple e Microsoft, uso entrambi i sistemi da molti anni e da sempre si discute, un pò come Coppi e Bartali. Apple è meglio però! 😉

    Poi guarda che anche io lavoro per la tua stessa azienda!

    Se avessi abbastanza conoscienza per poterlo fare, risponderei io ai tuoi quesiti su problemi Apple, no problem, ma aimè…

    Le batterie, non so il motivo ma un MacBook dura un sacco senza la corrente. Cosa vuoi che ti dica? Sarà un discorso di driver, dimmelo tu. Magari non sei un utente “mobile”, ma permettimi di dire che per me è un gran vantaggio non doverlo tenere attaccato alla corrente.

    Blue screen. Ci siamo già capiti, puramente ironico. Li ho messi perchè qualche amico i Franco non sapeva cosa fossero.

    Concludo con due cose:

    Ho letto l’artico dei problemi di Leopard, ha gli assistenti migliori, con pochi click faccio un sacco di cose, l’ho scritto anche in un post. Non ho mai provato con un Mac a connettermi con Wep, uso solo Wpa2, sicura. Non ho mai provato a connettemri ad internet passando da una macchina Vista, permettimelo dai, uso altro. Posso fare una prova però…

    Concludo veramente:

    Qualche cosa di Apple che non va. L’assistenza di solo 1 anno non mi piace. Manca il supporto NBD di serie, male per il mercato aziendale. Che non riconosca un margine decente ai rivenditori non mi piace.

    Alla prossima!

Trackbacks/Pingbacks

  1. sandeisacher » Lo scarica barile - 15 maggio 2008

    […] ieri dicevo che se ho un problema me la voglio prendere con una sola persona. Ecco, ho comprato un computer HP con Windows XP e processore AMD. Aggiorno al Service Pack 3 e […]

Lascia un commento